GarganoToday

Vieste festeggia: ecco i reperti della 'Tomba dell'Elite', sono pronti per essere mostrati al pubblico

Gli elementi del corredo funerario recuperati 12 anni sono stati restaurati e pronti per essere esposti nelle teche del Museo Civico e Archeologico 'Petrone', del convento di Santa Maria degli Angeli

I reperti - Foto Comune di Vieste FB

"Il Comune di Vieste riaccoglie i reperti archeologici della Tomba dell’élite, restaurati e pronti per essere esposti al pubblico nelle teche del Museo Civico e Archeologico 'Petrone', del convento di Santa Maria degli Angeli".

E' quanto annuncia la cittadina garganica attraverso la pagina social dell'amministrazione comunale. Un "bentornato" che preannuncia un'altra importante novità, ovvero l'apertura - prevista nei prossimi mesi -  del Museo Civico e Archeologico 'Petrone', i cui locali sono stati sistemati per l'apertura al pubblico. I reperti, lo ricordiamo, furono recuperati 12 anni fa, a Vieste: a venire alla luce sono stati gli elementi che, si presuppone, appartengano al corredo funerario della cosiddetta 'Tomba della Regina' risalente al IV secolo avanti Cristo.

Potrebbe interessarti

  • Zanzare: perché pungono solo alcune persone

  • Gli usi del bicarbonato di sodio che ancora non conosci

  • Le app beauty da avere sullo smartphone

  • Ginnastica da scrivania: quali esercizi fare mentre si è al lavoro

I più letti della settimana

  • Incidente mortale a Foggia, scontro tra un'auto e un motorino: la vittima ha 15 anni

  • Foggia sotto shock, immenso dolore per la morte di Gianluca: "Dio dacci la forza". La prof. "Come lui davvero pochi"

  • Maxi concorso per infermieri, come per gli Oss a Foggia: 1000 i posti disponibili in Puglia

  • Frontale auto-moto nei pressi del Comune, la due-ruote scivola e investe due persone: tre feriti

  • Roberta non è morta strangolata: i funerali forse venerdì, a San Severo sarà lutto cittadino

  • Feltri ce l'ha con Foggia e il Sud, bordate a Conte e appello a Salvini: "Metti fine a questa forma di banditismo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento